in

Crescere figli di successo: il metodo TRICK

Cos’è il metodo TRICK e quali sono i consigli per crescere figli che avranno successo nella vita.

metodo trick crescere bambini di successo

Volete il meglio per i vostri figli e desiderate per loro un futuro ricco di successi. Ma come aiutarli? Cosa può fare un genitore per incentivare tale futuro? Una risposta ci arriva da Esther Wojcicki, mamma di tre donne di successo in aziende tech internazionali.

Partiamo dalle origini. Chi è Esther Wojcicki? Nata da una famiglia ebrea russa che scappò dalle persecuzioni, oggi ha 80 anni. Nota come Woj in tutta la Silicon Valley, è stata professoressa di giornalismo alla high school di Palo Alto. Qui ha allevato molte generazioni di studenti, tra i quali anche l’attore James Franco e la figlia di Steve Jobs, Lisa. Ma non è tutto qui. La sua esperienza da mamma le ha permesso di ideare -e insegnare- il metodo grazie al quale le sue figlie sono diventate donne di successo: il metodo TRICK.

Effettivamente le tre figlie di Esther sono la prova vivente che il suo modo di agire ha funzionato:

  • Susan Wojcicki è amministratore delegato di Youtube e tra le 100 donne più potenti del mondo, secondo Forbes, con un patrimonio stimato in 490 milioni di dollari;
  • Janet Wojcicki è professoressa di Pediatria alla University of California di San Francisco;
  • Anne Wojcicki (ex moglie del co-fondatore di Google Sergey Brin) ha fondato la società di genomica e biotecnologia 23andme;

Metodo TRICK: i cinque ingredienti per il successo

Ok, siamo tutti estremamente curiosi. In cosa consiste questo metodo TRICK? Sono cinque i pilastri fondanti:

  1. Fiducia (Trust): secondo Woj la fiducia è contagiosa. Dando fiducia ai figli, li alleniamo ad affrontare compiti sempre più difficili e contribuiamo a rafforzare la loro autostima. Ma come reagire se tale fiducia viene tradita? Se si tratta di piccole trasgressioni è bene puntare sull’ironia. Diversamente servono punizioni esemplari.
  2. Rispetto (Respect): il genitore deve rispettare le scelte del figlio, anche se ritiene che stia sbagliando o che stia sprecando il suo tempo. Serve pazienza e imparare a non proiettare le proprie volontà su di loro.
  3. Indipendenza (Independence): i genitori non devono fare niente che il figlio possa fare da solo. Deve imparare ad assumersi le responsabilità di cui è all’altezza, fin da piccolo. Gli errori sono normali e servono affinchè acquisti padronanza, imparando a’ fare qualcosa correttamente. Madri e padri iperprotettivi, infatti, conducono i loro bambini all’ansia e alla depressione. È giusto intervenire solo quando vogliono fare qualcosa di pericoloso e irrazionale. Per il resto devono diventare sempre più indipendenti man mano che crescono.
  4. Collaborazione (Collaboration): perché si possa instaurare un rapporto di collaborazione è indispensabile che sussistano i primi tre punti -fiducia, rispetto e indipendenza. Tutto può essere svolto in collaborazione, basta che ci sia un obiettivo che riesca ad appassionare entrambe le parti.
  5. Gentilezza (Kindness): empatia e gentilezza sono fondamentali per migliorare noi stessi e la società. Se noi siamo gentili con i figli, loro lo saranno -oggi e in futuro- con gli altri. È l’unico modo per puntare a costruire un mondo migliore nel tempo.

Il metodo trick è ideale per l’educazione dei figli, ma non solo. Anche all’interno di un’azienda tali principi contribuiscono a migliorare le performance e a motivare chi vi lavora. Non ci resta che prendere in mano il libro ‘Bambini che cambiano il mondo’ (Sperling & Kupfer) di Esther Wojcicki ed approfondire questo metodo. Del resto, si è sempre in tempo per decidere di imparare a migliorarci, giusto?

Written by Francesca Pasini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

idee torta prima comunione

Torte originali per la Prima Comunione: idee per tutti i gusti

dolci battesimo 2

Torte per Battesimo: idee tradizionali e fantasiose, a voi la scelta